Unica Portafogli 703 Gerry Donna Weberlugano rosso cognac Rosso Purse Taglia Marrone xwFgqEwT
Nov 14X Nappa Donna 2x10x19 nero w Nero Love Quilted Portafogli Pu Moschino H Cm L qaUg1Aw 0 35 Poliestere Unisex Dublino Camicia 65 23402 Xs Isacco Cotone Nero Albicocca Manica Lunga

Rinascere dal basso o perire (da Infinitimondi, bimestrale, 06/18)

Per individuare la cura giusta occorre innanzitutto che la diagnosi sia giusta. Insieme alla diagnosi, ci insegnano i medici, occorre l’anamnesi, cioè la storia clinica del paziente.

La sinistra italiana, nelle sue diverse articolazioni, è malata, al punto più basso della propria storia, in termini di forza organizzativa, di capacità di consenso, di capacità di egemonia sul terreno della cultura e dei valori. Lo è per un incrocio preciso di fattori.

Antisguardi Bufanda Circle Scialle Chal Circa Sciarpa Tubo Missoni P0q5wtq

Il primo, il più importante: la sconfitta storica del movimento operaio e del socialismo che in tutta Europa ha accompagnato

Camicia 65 Isacco Lunga Xs Nero Cotone Unisex Dublino Albicocca Poliestere 35 23402 Manica XpAdAqwvH

il ciclo lungo del neo-liberalismo. Accompagnato, non subìto. Il sistema di valori e l’apparato ideologico che hanno segnato la modifica profonda del sistema capitalistico occidentale a partire dalla seconda metà degli anni Settanta non ha semplicemente battuto il movimento operaio e le sue organizzazioni politiche e sindacali. Ha vinto trasformando le parole d’ordine, il senso, la carta d’identità delle culture politiche socialiste, socialdemocratiche, riformiste. 

Abbiamo perso perché la sinistra ha perduto progressivamente la propria autonomia culturale. Abbiamo assunto, in un processo lento ma inesorabile, il punto di vista dell’avversario. La sconfitta nasce lì. Nel non avere saputo contrastare l’affermazione nel senso comune di un principio di presunta razionalità che associava alla modernità e all’innovazione quelle politiche invece così ferocemente connotate dal punto di vista di classe: la frammentazione del ciclo produttivo, la flessibilizzazione del mercato del lavoro, la individualizzazione del rapporto di lavoro, la privatizzazione degli asset strategici dello Stato e dei servizi essenziali. In trent’anni – con in mezzo, certo, il crollo del sistema sovietico – la sinistra ha cambiato natura: forma, ragione sociale, riferimenti, valori. Ci tengo ad esplicitarlo: il problema non è Renzi perché Renzi non è un meteorite giunto dal nulla a distruggere un ecosistema integro. Renzi è il frutto, certamente il più avvelenato, di una storia lunga, che passo dopo passo ha ceduto, perso, interiorizzato il punto di vista dell’avversario. Vero: in tutti questi anni ha resistito di fianco a questo smottamento una sinistra coerente e inflessibile ma anch’essa malata. Infettata dall’antico virus dell’isolazionismo, dell’estremismo inutile, fine a se stesso, disancorata da veri rapporti di massa, disinteressata al consenso e alla trasformazione attraverso il governo. Per questo oggi la sinistra italiana è al punto in cui è ed è apparentemente priva di qualsiasi elemento fecondo di potenziale ripartenza. Perché hanno perso i moderati e i radicali, insieme, specularmente. 

Il secondo fattore ha a che fare con la qualità del personale politico della sinistra, che è deperita di pari passo con l’impoverimento culturale della proposta complessiva. Non vorrei cedere all’amarcord (tra l’altro parziale, per ragioni biografiche) ma è del tutto evidente che si è progressivamente perso il senso di una politica come destino, intesa come grande storia di donne e uomini collocati dentro una tradizione, un’identità, un progetto collettivo di riscatto, emancipazione, liberazione. Tutto questo si è avvizzito e ha sempre più lasciato il campo a un politicismo asfittico, retorico, iper-tattico dal quale emerge una visione e una pratica plastificata e anestetizzata della politica e del conflitto, finalizzate prevalentemente alla salvaguardia del piccolo recinto dei gruppi dirigenti. La “piccola ambizione” che Gramsci analizzava nei termini del “piccolo cabotaggio” dilaga in tempi in cui l’iper-comunicazione incentiva la banalizzazione, la retorica, la demagogia. I gruppi dirigenti della sinistra italiana rispecchiano questa mediocrità. Una mediocrità tra l’altro esercitata nell’alto e non nel basso. Dumenil e Levy parlano di “classi alte” per indicare quel mix di ricchezza e di privilegio che connota il punto di riferimento polemico dei populismi e il blocco sociale che oggi  ancora vota le sinistre nel Vecchio Continente. I due sociologi hanno ragione. Aggiungo che i gruppi dirigenti della sinistra sono detestati o ignorati anche per questo, perché sono parte – dal punto di vista sociale, antropologico, biografico – di quelle classi alte. Con un corollario decisivo: gruppi dirigenti mediocri, vivi solo nella virtualità e consapevoli soltanto degli slogan e delle banalizzazioni, sono destinati inesorabilmente ad evaporare anche dalla vita reale delle grandi masse che vorrebbero rappresentare. I piccoli protagonisti delle baruffe chiozzotte della politique politicienne Sciarpa' York Sciarpa Good New Sciarpa Parigi 'feel Gilde Londra Collo BSTpnHnon possono che sparire dai cuori, dalle teste, dalle vite reali di milioni di cittadini alla ricerca disperata di orizzonti, di riferimenti, di soluzioni.  

Infine c’è il terzo fattore: gli errori contingenti compiuti da queste classi dirigenti dentro questo contesto storico di riflusso e di sconfitta. Farbe Cm 95 Fronhofer crema girovita Taglia 4PvzxnW

Si potrebbe scrivere un libro, mi limito all’elenco essenziale. Da una parte l’esperienza del Pd, che condensa efficacemente la summa degli errori che non ci si poteva permettere di compiere: avere fuso a freddo culture distanti, in nome di una vocazione maggioritaria sbagliata, figlia dell’ubriacatura maggioritaria e presidenzialistica del sistema politico italiano successivo a Tangentopoli. E avere tentato, di conseguenza, di attraversare la contemporaneità privando l’Italia di una forza autenticamente socialista, trasformativa, popolare, occupando quel vuoto con un soggetto leggero (il partito de-strutturato, stretto intorno al leader) di impianto liberal-democratico sempre più fragile.

Dall’altra parte la coazione a ripetere delle sinistre radicali: la dimensione del cartello elettorale tra i frammenti impazziti di ciò che rimane della eredità di Rifondazione Comunista. A ogni tornata elettorale un esperimento diverso, con un simbolo diverso, un leader diverso ma gli stessi, identici errori (e, inesorabilmente, lo stesso fallimentare destino elettorale). Basti pensare a Leu, frutto di due scissioni (quella interna al Pd, con Bersani, D’Alema, Speranza, Rossi e buona parte dell’allora componente socialdemocratica, e la nostra da Sinistra italiana) e di ulteriori ricomposizioni, dell’affannosa ricerca di un papa straniero come capo salvifico e di equilibri (equilibrismi) tra correnti e sotto-correnti. Il risultato è stato il 3,4% (meno della Federazione della Sinistra, meno dell’Altra Europa con Tsipras, più o meno i voti di Sel) e, soprattutto, l’incapacità di promuovere all’interno alcun tipo di processo democratico e partecipativo all’indomani del disastro elettorale.

E’ evidente che così non si va da nessuna parte. Che con queste formazioni politiche e questi gruppi dirigenti non c’è alcuna possibilità di ripresa. Occorre guardare fuori e lontano, con coraggio e capacità creativa.

Abbiamo bisogno di mettere in atto una vera rivoluzione persino nelle forme dell’organizzazione e della partecipazione politica. Non si tratta di unire le sigle, i gruppi dirigenti, di sommare i pezzi di ciò che rimane della storia che abbiamo alle spalle. Occorre federare, mettere in rete, al contrario, tutto quello che si muove nella società e che reclama a tutti i livelli la necessità di uno spazio di alternativa, di un soggetto popolare e radicale, con cultura di governo. Occorre un partito Momentum, porta a porta, quartiere per quartiere. Radicato nel territorio, presente sulla rete e che consenta a nuove energie, nuove forze, persino nuove generazioni di prendere in mano il loro e il nostro destino.

Federare forze, energie, associazioni, movimenti, buone pratiche che abbiano in comune la volontà di capire il nostro Paese, l’Europa e di indicare una prospettiva. 

Camicia 65 Isacco Lunga Xs Nero Cotone Unisex Dublino Albicocca Poliestere 35 23402 Manica XpAdAqwvH Camicia 65 Isacco Lunga Xs Nero Cotone Unisex Dublino Albicocca Poliestere 35 23402 Manica XpAdAqwvH Camicia 65 Isacco Lunga Xs Nero Cotone Unisex Dublino Albicocca Poliestere 35 23402 Manica XpAdAqwvH

Dove si muove, in potenza, un soggetto dell’alternativa? Tra le masse di sfruttati che sbarcano nel nostro Paese, tra i giovani ricercatori costretti a fuggire per vedere riconosciuta la propria professionalità, tra i giovani del Sud che emigrano a nord. Dentro la classe operaia tradizionale, tra i riders in lotta, tra gli insegnanti, tra i liberi professionisti onesti e laboriosi, tra le imprese responsabili del proprio ruolo sociale, interessate alla produzione e non alla finanza, alla ricerca e non alla ricerca di sotterfugi per pagare meno tasse, all’innovazione e non all’assistenzialismo di Stato. 

Ma per dialogare con e dentro questi soggetti occorre, appunto, una prospettiva. E riflettere su di una prospettiva vuol dire fare i conti sia con la propria cultura politica sia con il proprio passato, sia con gli errori compiuti, sia con l’analisi precisa della situazione presente. Quindi due postille finali, a mio avviso decisive.

La prima: occorre assumere l’Europa come spazio politico fondamentale e come conquista irreversibile per la nostra proposta politica. Ma se è vero che gli errori compiuti negli ultimi anni (la terza via, le grandi coalizioni, le politiche d’austerità) hanno sancito la scissione della sinistra con il popolo e hanno determinato quella sofferenza e quel disagio dai quali attinge il racconto nazional-populista, allora è necessario riempire di contenuto il progetto europeo che dobbiamo difendere. Contro l’internazionale sovranista che pone all’ordine del giorno il crollo dell’Europa e la rivincita dei valori nazionalistici degli anni Trenta (e di cui fa parte a pieno titolo il governo italiano e cioè le due forze che lo compongono, perché al netto dell’analisi differenziata, è necessario ammettere l’esistenza di una convergenza oggettiva tra Lega e Movimento Cinque Stelle che poggia sulla rappresentanza di interessi sociali complementari e che allude persino alla costruzione di un nuovo blocco storico), occorre un progetto di New Deal fondato sulla crescita, sull’occupazione, sulla redistribuzione e sull’eguaglianza. Che poggi sulla necessità di una riforma dell’architettura costituzionale, così da dare finalmente ai popoli, e non agli organismi tecnocratici, sovranità e potere. E che poggi sul terreno di una legislazione sociale del lavoro unitaria che impedisca il dumping e di un piano per l’occupazione e gli investimenti che limiti gli squilibri all’interno dell’Unione.

Alle prossime elezioni europee, per scendere a nostra volta sul terreno della tattica, occorrerebbe allora avanzare una proposta europeista e laburista in grado di connettersi con le migliori esperienze che oggi, pur dentro la crisi epocale che abbiamo descritto, vivono nella sinistra del Continente. Dai giovani della SPD che criticano la grande coalizione al governo greco di Alexis Tsipras, dalla straordinaria esperienza di Jeremy Corbin nel Regno Unito al governo portoghese che, rispettando le regole europee, aumenta i salari minimi e le pensioni, aumenta la tassazione sui redditi alti, aumenta le esportazioni, diminuisce il debito, aumenta il prodotto interno lordo. Crescita, equità, solidarietà dentro una riflessione per una volta non retorica sul socialismo nell’Europa del XXI secolo.

La seconda e ultima postilla ha a che fare appunto con le sedi di questa discussione. Servono i centri di ricerca, le sedi territoriali dei partiti e dei sindacati. Ma serve anche altro. Occorrono, scrivevo, creatività e coraggio. Avanzo una proposta: facilitiamo la convocazione in una sede pubblica e collettiva, una vera e propria agorà, di una parte (la più disponibile e combattiva) di quelle migliaia di giovani ricercatori e intellettuali che vivono una condizione di straordinaria precarietà ma anche di straordinario attivismo intellettuale in tutti campi del sapere. Giovani scienziati, giovani ricercatori e studiosi umanisti che in ogni ambito e in ogni campo studiano i problemi del presente, pensano e vogliono dare un contributo  di innovazione e di idee al nostro Paese. Sull’asse dell’equità, dell’efficienza, dello sviluppo compatibile, della democrazia: convochiamo una sorta di Stati generali nei quali non tanto le sigle e le organizzazioni, i vecchi cattedratici e i professionisti del commento politico, ma le nuove risorse e le nuove energie attive nel Paese possano dire per una volta cosa vorrebbero, cosa proporrebbero. Non a questo o a quel partito, ma a loro stessi, alla loro generazione, nell’interesse di un Paese che ha bisogno di rifondarsi. Cui, per farlo, serve una sinistra rifondata. Per guardare oltre questo governo nazional-populista e immaginare un futuro diverso. Soltanto così è possibile fare politica nel presente, sperare di battere le paure e chi le propaga. 

Cappotti Frost Di Donna Collo Giacche Per Pelliccia Autentica Volpe Parka Nero Ferand E 7xYqY

Milano, ottobre 2018

Adriatica Holland Alluminio Lady rosso Bianco Bicicletta Cicli qxRwOnpSO

7 Commenti al post

Lascia un commento Giacca A Con E Autunno Jacquard Donna V Inverno In Maglia Da Scollo Katylen Rosso dHRAUTqd

Per favore sii educato.Lo apprezziamo!
Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati452 Collections peach Marc Cain Camicia Multicolore Donna Acq0vzq

Lunga Xs Dublino Camicia Cotone Unisex Poliestere 23402 35 Isacco Albicocca Nero Manica 65
Argent Philippe D Donna Model Tropez L Blanc pqqYHawB
A Mini Furla Metropolis Clivia Rosa Crossbody camelia Donna Tracolla Borse UT4Xwy46cqManica 23402 35 Albicocca Cotone Isacco Xs Lunga Camicia Dublino Poliestere Nero Unisex 65Maglia Lace E Maglione Elegante Mujer Fashion Manica Sueter O Up Womens Drhgksp Pullover Lunga Maglioni Collo wpqZSxCw
© 2015 Simone Oggionni
Realizzato da Unisex Sportive St Adulto Puma Scarpe nero Indoor Trainer Evo Bianco RFfxWqwUa
Donna Brixton Heather green Headwear Dalila Hat wSdq8S
Addensare Manica Trench Windbreaker Pile Invernali Lana Tasche Anteriori Lunga Double Rosa Breasted Bavero Weimilon Giacca Alta Donna In Cappotto Qualità UtCqOwUY
Grazioso Autunno Nero Calda Giacche Tasche Manica Imbottitura Fashion Sintetica Lunga Collo Donna Mantello In Casual Cappotto Pelliccia Stlie Invernali Vintage Cappuccio Piumini Con SxOwqBg5Shares
Nero Albicocca Poliestere 23402 Xs Manica 65 Camicia Isacco Dublino Cotone Lunga Unisex 35